Vico Equense: due arresti per bombe carta, minacce e incendi

A Vico Equense (NA) sono scattati due arresti per bombe carta, minacce e incendi posti in essere per sottrarre appalti alla concorrenza.
   In manette sono finiti, per tutti questi reati contestati, un imprenditore edile ed un 34enne di Pompei. Gli indagati, tra il gennaio e il febbraio di quest’anno, avrebbero disposto il posizionamento di due bombe carta: una esplose davanti a un hotel di Vico Equense che la ditta aggiudicataria stava ristrutturando, l’altra davanti al garage privato del titolare dell’azienda.

Secondo l’accusa i due avrebbero ordinato anche l’incendio di un autoarticolato dell’azienda concorrente: il mezzo venne dato alle fiamme mentre era parcheggiato in prossimità di una struttura che la ditta stava adibendo ad albergo, sempre a Vico Equense. Ai gesti intimidatori aggiunsero una telefonata fatta a un dipendente dell’azienda presa di mira: “Dite al ‘mastro’ vostro che deve portare quell’offerta a Vico Equense”, vale a dire dovevano cedere i loro appalti per non avere altri problemi.

Tags Articolo

Commenti Facebook