Catanzaro: XVI Giornata Nazionale del Giardino al Parco della Biodiversità

Sabato 13 aprile al Parco della Biodiversità Mediterranea – Sala delle Conferenze del MUSMI di Catanzaro, partirà la XVI Giornata Nazionale del Giardino. Catanzaro più verde tra pubblico e privato, è il tema nazionale suggerito dall’UGAI. Promuovere la diffusione delle tecniche di coltivazione attraverso un corso di giardinaggio completatosi coll’entrare in un giardino circoscritto ad una scuola – Giardino botanico F. Todaro – ed in uno pubblico – Parco Carlo Alberto dalla Chiesa – ha migliorato il rapporto di ciascuno con le piante ed elevato quel senso di appartenenza necessario alla maturazione di forme di rispetto e di tutela verso l’intero patrimonio verde necessario a ogni collettività. Si ringraziano tutti coloro che, con spirito di appartenenza, hanno aiutato a restituire, almeno in parte, dignità e decoro nonché salute al verde pubblico

I Garden Club nascono in Italia sulle tracce delle numerose Associazioni botaniche del secolo scorso. Si può dire che i Sodalizi odierni siano gli eredi delle gloriose Associazioni Orticole di ieri, che dal 1981 sono confluiti nell’ U.G.A.I. La denominazione “Garden Club” deriva da una esigenza di collocazione in parallelo con le Associazioni consorelle di altre Nazioni. Il Garden Club di Catanzaro La Zagara è in vita dal 6 giugno 1992.

Programma: Ore 9.30 Catanzaro – Parco della Biodiversità Mediterranea – Raduno dei partecipanti Ore 10.00 MUSMI – Sala delle Conferenze Sergio Abramo, presidente della Provincia e Domenico Cavallaro assessore all’Ambiente del Comune di Catanzaro accolgono studenti, associati, cittadinanza, relatori, autorità aprendo i lavori del convegno-studio. Ore 10.10 Mariangela Bettini Ferrari, presidente del Garden Club La Zagara e vice presidente nazionale dell’UGAI – coadiuvata dal pensiero dei legali rappresentanti partner nel progetto: Antonio Celi, Nicola Cucci, Rita Elia, Elena De Filippis, Carmine Lupia, Giuseppe Macrì, Michelangelo Pugliese, Amelia Giuseppina Roberto, Walter Rottura – introduce il tema della XVI Giornata del Giardino: Catanzaro più verde tra pubblico e privato Insieme per diffondere le tecniche di coltivazione e migliorare il rapporto con le piante e ne coordina gli interventi. Ore 10.40 Michelangelo Pugliese architetto paesaggista e dottore di Ricerca in Architettura dei Parchi e dei Giardini e Assetto del Territorio presso l’Università degli studi Mediterranea di Reggio Calabria presenta Un orizzonte, un suolo, delle piante. Viaggio progettuale per conservare, rigenerare creare spazi verdi ecocompatibili ed ecosostenibili. Ore 11.20 Alberto Capuano e Antonio Scarpino studenti del Liceo-Ginnasio P. Galluppi, unitamente ad Antonio Sulla studente dell’I.I.S. Agrario Vittorio Emanuele II presentano Memento mediterraneo. Dal disastro ricresce un giardino “produttivo”. Un progetto presentato al Radicepura Garden Festival di Giarre, diventato esperienza e sogno … Ore 11.30 Studenti del Liceo-Ginnasio P. Galluppi presentano Otium cum dignitate Anche il tempo dedicato alla terra contribuisce alla crescita della persona per bene. Ore 11.40 La parola ai dottori agronomi e forestali associati ed amici del Club Garden La Zagara: Giovanna Buccellato, Francesco Catania, Antonio Celi, Carmine Lupia, Giuseppe Ranieli, Walter Rottura, che hanno concorso alla buona riuscita del corso di giardinaggio i cui interventi pratici hanno migliorato il verde delle aree: Giardino Botanico F. Todaro e Parco comunale Carlo Alberto Dalla Chiesa Ore 11.50 Parco della Biodiversità Mediterranea – Passeggiata lungo il sentiero naturalistico Valle dei Mulini sino al luogo destinato ad accogliere quaranta giovani piante mediterranee, cresciute negli spazi domestici, e donate al Parco della biodiversità Mediterranea da Alberto Capuano.

Commenti Facebook