Costituita a Catanzaro una Associazione culturale e sportiva per tenere viva la memoria del giudice Carlo Caruso

E’ stata costituita a Catanzaro l’Associazione Culturale e Sportiva Carlo Caruso, con il fine esclusivo della solidarietà sociale, umana, civile, culturale e sportiva, con l’organizzazione e l’esercizio di attività dirette a valorizzare e tener viva la memoria del dott. Carlo Caruso diffondendo i valori e i principi di cui è stato portatore e testimone nel suo quotidiano agire.

Carlo Caruso è stato un magistrato eccezionale, carico di grande umanità, generosità, altruismo e sensibilità, che tutti ricordano con grande stima; era apprezzato anche come scrittore, usava lo psedonimo di Kino Kalisti, era anche un atleta, nonché poeta, letterato, Gran Maestro e Giudice Internazionale di Muay Thai, esperto musicista di sitar e di musica classica indiana, stratega e soft gunner di Softair praticava arti marziali; impegnato a favore dei più deboli, dei più disagiati e, in particolare, dei minori e delle correlate questioni di giustizia minorile. Per diversi anni è stato in servizio nel Tribunale per minorenni di Catanzaro ed era molto legato alla città. Nel 2015, dopo anni di permanenza a Catanzaro era tornato a Roma, sua città di origine, dove ha prestato servizio presso il locale Tribunale per minorenni. E’ morto prematuramente a 65 anni, lasciando segni vivi e tangibili di onestà, competenza e professionalità, disciplina, lealtà e correttezza umana e sportiva, dando continuità e concretezza al suo impegno sociale e di promozione della cultura e del rispetto delle regole.

Nel rispetto dei principi dettati dal decreto legislativo 3 luglio 2017 numero 117, l’Associazione persegue finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, di educazione e di formazione culturale e sportiva attraverso l’associazionismo, la democraticità della partecipazione dei soci tutti e l’elettività e gratuità delle cariche associative nel rispetto del principio delle pari opportunità tra donne e uomini, senza discriminazioni e con pari eguaglianza dei diritti di tutti gli associati circa la partecipazione alle iniziative ed al funzionamento dell’Associazione, con lo scopo di raggiungere i fini meglio specificati nei successivi articoli.

Si propone di organizzare convegni, conferenze, seminari, dibattiti, interventi formativi, premi, borse di studio, ricerche, mostre, pubblicazioni, attività culturale di interesse sociale, anche con finalità educativa, gruppi di studio ed ogni altra iniziativa che meglio consenta di perseguire le finalità statutarie e, in particolare, per approfondire e diffondere le lettere e gli scritti e pubblicazioni e l’attività del dott. Carlo Caruso e per mettere in pratica i suoi insegnamenti e la vita e le virtù umane di cui è stato un grande esempio.

L’assemblea costituente, dopo aver approvato lo Statuto, ha eletto il primo Consiglio direttivo, nominando come presidente la prof.ssa Anna  Branca, moglie del giudice Caruso; vice presidente l’Avv.to Eugenio Bisceglia, l’Avv.to Anthony Vero, segretario, il Dott. Antonio Basta, l’avv. Luigi Bulotta e l’avv. Guido De Santis, Consiglieri, l’avv. Mariangela Fasulo, Tesoriere.

L’associazione è già al lavoro per organizzare un premio letterario di poesia e narrativa denominato “Carlo Caruso: il Giudice, l’Uomo, il Poeta” e indirizzato ai minori in vinculis ed ai minori messi alla prova in carico ai servizi della giustizia Minorile nei distretti di Corte d’Appello di Roma, Catanzaro e Reggio Calabria.

Luigi Bulotta

Commenti Facebook