Doniamo il sangue: il sindaco Bianco invita i catanesi ad un gesto di solidarietà

Dal sindaco Enzo Bianco al rettore Francesco Basile, dal direttore generale dell’Arnas Garibaldi Giorgio Santonocito, al consulente del Sindaco per i rapporti con la Sanità Francesco Santocono, a una rappresentanza di giocatori e tecnici del Catania Calcio, da alcuni assessori comunali ai dirigenti e dipendenti del Comune, con in testa il capo di Gabinetto Beppe Spampinato, insieme in fila, per donare sangue e riaffermare il valore della solidarietà e importanza della donazione del sangue. Dei veri e propri testimonial per sensibilizzare i cittadini ad un piccolo gesto così importante per molti.
La giornata della donazione di oggi, che fa parte di un ciclo di tre,  è stata organizzata, con la presenza di un autoemoteca in piazza Università,  dal’Arnas Garibaldi, dal responsabile del centro trasfusionale Nuccio Sciacca insieme alle associazioni che si occupano di sensibilizzazione e di donazione e cioè Avis, Fidas, Advs, Fratres e San Marco e delle associazioni dei pazienti politrasfusi (talassemici).
“Invito tutti i cittadini – ha detto il sindaco – a donare sangue. Gli ospedali nel periodo estivo, in particolare, soffrono di questa carenza penso che i catanesi, con il loro gran cuore, anche in questo caso non staranno indietro pensando al bisogno vitale di sangue dei talassemici e di chi si trova a vivere una emergenza”.
Per tutta la mattinata l’autoemoteca ha sostato in piazza Università, un’altra postazione è stata in sosta al Garibaldi Nesima.
Donare non costa nulla e anche porta benefici: alla fine si avranno le analisi del proprio sangue. Si ricorda che effettuare la donazione  occorre essere in buona salute    avere tra i 18 e i 65 anni, essere  a stomaco vuoto.

Commenti Facebook