E’ morto Gigi Proietti, il grande attore italiano, nel giorno del suo ottantesimo compleanno

E’ morto Gigi Proietti, il grande attore, drammaturgo e regista italiano, scomparso proprio oggi, 2 novembre, nel giorno del suo ottantesimo compleanno in seguito a gravi problemi cardiaci. Era ricoverato in una clinica di Roma.

Una lunghissima carriera di grandi successi in teatro, al cinema e in televisione. Aveva un eccezionale talento, accompagnato da autoironia, cinismo, un artista poliedrico, geniale, istrionico, una vita trascorsa sui palcoscenici. Era in grado di passare dalla musica alle celebri macchiette di Petrolini, per arrivare a Shakespeare.

Artista geniale, istrionico, poliedrico, Gigi Poietti ha trascorso gran parte della sua vita sui palcoscenici di tutta Italia. Ha iniziato a calcare le scene dagli anni 60, poi ha lavorato in diversi film, da ‘Febbre da cavallo’ a ‘Tosca’. Ha avuto grande successo in teatro e al cinema, ma anche in Tv con la serie ‘Il maresciallo Rocca’. Nel 2002 il ritorno sul grande schermo con il sequel ‘Febbre da cavallo – La mandrakata’, diretto da Carlo Vanzina e di recente era stato Mangiafuoco nel ‘Pinocchio’ di Matteo Garrone.

La grande occasione arriva nel 1970 quando sostituisce Domenico Modugno, accanto a Renato Rascel nel musical Alleluja brava gente di Garinei e Giovannini. Da allora è interprete e autore di grandi successi teatrali, tra i quali Caro PetroliniCyranoI sette re di Roma. Dopo aver recitato nel 1974 nel dramma di Sem Benelli La cena delle beffe, accanto a Carmelo Bene, nel 1976 stringe un sodalizio con lo scrittore Roberto Lerici, insieme al quale scrive e dirige i suoi spettacoli rimasti nella storia, A me gli occhi, please è un trionfo.

Una delle interpretazioni più recenti di Proietti è stata quella di Mangiafuoco nel ‘Pinocchio’ di Matteo Garrone. 
In tv fa il varietà da Fatti e fattacci a Fantastico ma il teatro è la sua vita e la sua passione, fa rivivere Shakespeare al Globe Theatre, incoraggia i giovani attori come faceva nella sua celebre scuola (dove ha avuto allievi Flavio Insinna, Giorgio Tirabassi e tanti altri). Un talento vero, da Febbre di cavallo al doppiaggio: presta la voce a Gatto Silvestro, in coppia con Loretta Goggi (che fa il canarino Titti), e alle star: Richard Burton, Richard Harris, Marlon Brando, Robert de Niro e Dustin Hoffman. Doppia Sylvester Stallone che grida “Adrianaaaaa!”, nel primo Rocky. Di recente aveva partecipato alla nuova stagione di Ulisse con Alberto Angela.



Tags Articolo

Commenti Facebook