Il mango: un frutto esotico dai sette benefici

ll mango è un frutto esotico dalla forma allungata e ovale, con una polpa giallo-arancione e una buccia di colore variabile in quanto va dal giallo, al rosso, al verde oppure un misto di questi tre colori. E’ originario dell’Asia, soprattutto dell’India, appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae e ne esistono circa 400 specie.

E’ costituito per la maggior parte da acqua (83 %) ed è ricco di fibre (1,6 %) e di sali minerali, in particolare calcio, potassio, magnesio, fosforo e zinco. I grassi sono molto pochi (0,38 %) mentre i carboidrati sono presenti per circa il 15 % mentre i grassi sono pochissimi. Discreto è il contenuto calorico, circa 60 kcal per 100 grammi. Il gusto del mango è dolce e si avvicina a quello della pesca e dell’ananas.

Ha diverse proprietà nutritive. Tra le vitamine troviamo soprattutto la vitamina C. Infatti, 100 grammi di mango forniscono il 60 % del fabbisogno giornaliero di vitamina C, la quale protegge dai danni dei radicali liberi, prevenendo l’invecchiamento, facilita l’assorbimento del ferro ed è necessaria per la sintesi di collagene. Sono anche presenti le vitamine del gruppo B, la vitamina A e la E. notevole è la presenza di antiossidanti, in particolare il lupeol, carotenoidi quali la luteina e la zeaxantina e fenoli come quercetina e acido gallico. Alto è l’indice glicemico per cui è opportuno non abbondare nell’uso.

Sette sono i principali benefici che apporta il mango al nostro organismo:

1) Antitumorale

 2) Migliora la vista

 3) Combatte la stitichezza

 4) Combatte l’ipertensione

 5) Aiuta la digestione

 6) È rigenerante e ricostituente

7) Stimola il sistema immunitario e protegge dall’invecchiamento.

Anche la buccia del mango ha proprietà benefiche, infatti è utile contro le infiammazioni dell’apparato respiratorio, e riduce la tosse e il catarro. Per sfruttare queste proprietà occorre tagliare la buccia lavata di un mango a pezzetti e farla bollire in un litro di acqua per 20 minuti, filtrare e bere 3 tazze al giorno fino al miglioramento dei sintomi.

Tags Articolo

Commenti Facebook