Stati Uniti: quattro morti dopo l’assalto al Campidoglio dei sostenitori pro-Trump

—————————————————————————————————————

Le autorità di Washington DC hanno confermato quattro morti durante le violente proteste avvenute mercoledì vicino al palazzo del Congresso degli Stati Uniti.

Una donna è morta in un ospedale dopo essere stata colpita da colpi di arma da fuoco all’interno del palazzo del Congresso ed altre tre persone sono morte durante le proteste per “complicazioni mediche”.

Almeno 14 uomini delle forze dell’ordine hanno riportato ferite durante le proteste e due di loro sono stati ricoverati in ospedale.

I manifestanti che sostengono l’attuale presidente Donald Trump hanno preso d’assalto l’edificio del Congresso degli Stati Uniti a Washington DC e hanno interrotto il lavoro dei legislatori, che si erano riuniti per certificare i risultati delle elezioni presidenziali di novembre che hanno visto uscire vincitore il democatico Joe Biden.

Alcuni manifestanti sono riusciti a entrare nel Congresso e tutti i legislatori sono stati evacuati.

I media statunitensi hanno riferito che il Pentagono aveva ordinato di schierare fino a 1.800 truppe della Guardia Nazionale USA a Washington DC sulla scia delle proteste di massa.

Il Senato degli Stati Uniti si è riunito di nuovo nella notte dopo i violenti disordini della giornata.

Il 14 dicembre, il collegio elettorale degli Stati Uniti ha convocato e ha confermato la vittoria elettorale di Biden. Il democratico ha ricevuto 306 voti, mentre il presidente in carica Donald Trump ha ottenuto 232 voti. Con 538 elettori, un candidato deve ottenere 270 voti per essere eletto alla carica di Presidente degli Stati Uniti.

Tags Articolo

Commenti Facebook